Il Keystone è uno dei più solidi e affidabili hard wallet per la gestione delle proprie criptovalute.

In questo articolo vi raccontiamo le sue principali caratteristiche.

Nuovo brand

Il Keystone è la versione rebrandizzata del vecchio Cobo Vault. Il nuovo brand è nato nel 2021.

I possessori del Cobo Vault non noteranno alcuna differenza nella struttura del device. Naturalmente tutti gli sviluppi lato software riguardano esclusivamente il nuovo marchio.

La recensione qui sotto è stata scritta dopo aver testato il Keystone Pro.

Caratteristiche principali

Il Keystone fa della solidità e della sicurezza i suoi capisaldi.

Le dimensioni sono più piccole di un comune smartphone. Lo schermo è ampio e permette una facile navigazione touch screen.

La struttura è estremamente solida e garantisce una lunga durata nel tempo.

Riguardo la sicurezza, il dispositivo è del tutto offline. L’unico collegamento con l’esterno è dato da una telecamera con QR scanner sul retro del device.

Al di sotto si trova lo scanner delle impronte digitali necessarie per accedere al software.

La batteria in litio si collega al device tramite un magnete. Per ricaricarla si può collegarla al computer tramite cavo usb. Tuttavia è possibile collegarla solo se separata dal device in quanto la porta usb si trova nel lato interno della batteria.

Sul lato destro è presente uno slot per la scheda microSD. Questa serve solo per aggiornare il firmware da scaricare dal sito ufficiale.

La scheda SD non è presente nella confezione, va comunque usata una comune microSD utilizzata per le macchine fotografiche.

Versioni del Keystone

Keystone mette a disposizione tre device che si differenziano per caratteristiche e prezzo. Per acquistarlo è sufficiente andare sulla loro pagina ufficiale tramite il reflink e procedere all’acquisto.

Il Keystone essential è quello più economico e costa 119 dollari. È costituito dal device e da uno scomparto per le batterie AAA. Viene consigliata per gli hodler a lungo termine.

Il Keystone Pro costa 169 dollari. A differenza dell’essential, è dodato anche di una batteria al litio ricaricabile. Viene indicato come il device indicato per chi lo usa più frequentemente nell’interazione con la DeFi. Inoltre è dodato di un meccanismo di autodistruzione per proteggere il wallet da attacchi.

Il Keystone Ultimate è quello indicato per gli istituzionali. Il costo è di 479 dollari. È dotato solo di una batteria ricaricabile con standard militari resistente all’acqua e agli urti.

Nel loro store è possibile acquistare anche il supporto mnemonico delle ventiquattro parole della frase seed in acciaio inossidabile.

Come funziona il Keystone Pro

Si accende tramite un bottone posto posto nella parte alta del device. Al momento è disponibile solo in lingua inglese e spagnola oltre al cinese e al coreano.

Una distinzione importante. Il Keystone, insieme al Trezor T, sono gli unici hard wallet al momento in commercio che gestiscono la creazione della Shamir Secret come opzione aggiuntiva di sicurezza.

È possibile importare un wallet preesistente o crearne uno nuovo. Nel caso di una nuova creazione, il device chiederà da subito se si vuole generare un’unica frase o la Shamir Secret. Una volta generate le ventiquattro parole, occorre reinserirle per conferma.

Chi non vuole utilizzare la Shamir Secret, può comunque usufruire della passphrase come layer aggiuntivo di sicurezza.

Keystone. Hard wallet per la gestione delle criptovalute.

Keystone app

Per l’operatività con l’esterno si utilizza l’app ufficiale per Android e IoS. Si consiglia di accedere solo tramite i link ufficiali e di evitare i motori di ricerca onde evitare di capitare su applicazioni fake.

Per sincronizzare il wallet con l’app è sufficiente una scansione tramite codice a barre.

Non esistono applicazioni native per desktop.

Quali criptovalute supporta

Keystone supporta diverse blockchain come Bitcoin, Ethereum, Ripple, Polkadot, Tron e tante altre.

Al momento non è possibile interagire con la Binance Smart Chain e Cronos.

Interazione con la DeFi

A partire dall’aggiornamento del firmware alla versione M5.0 è possibile collegare il Keystone con Metamask per una semplice interazione con le piattaforme decentralizzate.

Questo grazie al Secure Element firmware open-source grazie al quale servizi terzi sono in grado di sviluppare applicazioni su Keystone come nel caso di Metamask.

Andando sul menu di Metamask occorre selezionare Connetti Portafoglio Hardware e selezionare QR-based. Al momento il Keystone è l’unico hard wallet con QR scanner supportato dall’applicazione.

Sul device occorre scegliere il Watch-Only Wallet.

Corsi sul Keystone

Presso la Rise Up Academy si svolgono corsi settimanali sui wallet per le criptovalute.

Gli istruttori posseggono il Keystone Pro, per cui gli abbonati possono partecipare ai corsi sul suo utilizzo pratico in diretta e sono costantemente supportati dall’acquisto fino alla creazione e all’utilizzo quotidiano.

I primi due utenti della Rise Up Academy che decideranno di acquistare il dispositivo potranno usufruire di un codice per ottenere uno sconto del 5%. Per questo è sufficiente contattarci.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.