Sicurezza informatica
Home » Autenticazione a due fattori. Come proteggere il proprio account.

Gli attacchi informatici sono all’ordine del giorno. Criminali informatici sfruttano le falle dei vari sistemi per trarne vantaggio.

Spesso vittime sono i possessori di criptovalute che hanno trascurato la sicurezza informatica rendendo i propri account vulnerabili.

Bisogna dire che non esiste un sistema invulnerabile. Come racconto durante i miei corsi nella Rise Up Academy, l’obiettivo di ciascun possessore di criptovalute deve essere quello di alzare il più possibile il proprio muro difensivo ma con la consapevolezza che, se qualcuno vorrà bucare un sistema, prima o poi ci riuscirà.

Una delle opzioni di sicurezza da attivare è l’autenticazione a due fattori (o 2FA) in fase di login a un sistema.

Sms o email

Quando si fa il login a un sistema, a conferma dell’autenticità viene inviata una email a proprio indirizzo di posta registrato o un sms sul proprio smartphone.

Questo rappresenta il livello più basso di sicurezza nell’ambito della 2FA. Un account di posta può essere violato così come un sms può essere facilmente sniffato da criminali informatici.

Qualora in un sistema, come quello di Binance, fosse presente questa opzione, si consiglia di optare per soluzioni più solide.

Google Authenticator

Si tratta di un’applicazione da installare sul proprio smartphone.

Associata al proprio account google, una volta associato un determinato portale, ogni volta viene richiesto un codice riportato sull’applicazione.

Il codice cambia continuamente per cui difficile da individuare.

Attenzione solo a fare il backup del Google Authenticator. Pur essendo associato al proprio account, non basta il login su un altro dispositivo ma bisogna effettuare una procedura di migrazione.

In portali come quello di crypto.com rappresenta il più alto livello di sicurezza. Si consiglia vivamente di attivarlo.

Chiave hardware (Yubikey)

Rappresenta il più alto livello di sicurezza nell’ambito dell’autenticazione a due fattori.

Si tratta di una chiavetta USB che deve essere inserita nel proprio dispositivo per confermare l’autenticazione. Senza quella non è possible il login.

Fra quelle in commercio, si consiglia di optare per la Yubikey, consigliata anche dalla stessa Binance. Può essere utilizzata anche su Coinbase, Gemini, Gmail, Facebook e tante altre piattaforme.

Le versioni con il riconoscimento digitale necessitano un’ulteriore conferma. Una volta inserito username e password, viene richiesto di posare il dito sull’apposito spazio.

Si consiglia di averne almeno due, una da utilizzare quotidianamente e almeno una di riserva in caso di perdita o danneggiamento della prima.

Articoli simili

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *